EXPO 2015: IL MONFERRATO C’E’!

Vigneti Monferrato brdownloadimages

Nel 2015 ci attende il grande evento di Expo 2015. La manifestazione avrà come epicentro Milano, ma tutto il nord Italia sarà coinvolto. Il Monferrato dista solo un’ora da Milano ed è facilmente raggiungibile sia in autostrada che utilizzando i servizi delle reti ferroviarie, che per l’occasione incrementeranno i collegamenti. L’Expo sarà quindi una buona occasione per  conoscere anche il Monferrato… e sarà amore a prima vista!  Le nostre terre vi accoglieranno con le loro dolci colline e le infinite eccellenze.
Innanzitutto quella enologica: molti sono i Musei dedicati al Vino e alla sua produzione oggi e nel passato (Costigliole, Mombercelli, Nizza Monferrato sono solo alcune delle sedi), eccezionali sono le cantine storiche di Canelli, capitale del Moscato e dell’Asti Spumante, vere e proprie cattedrali sotterranee.
E prima di tutto i vigneti a perdita d’occhio, che in autunno si colorano di mille sfumature diverse.

Per chi ama la natura molte sono le occasione di escursioni nei parchi e riserve naturali di quest’area, nella Valle Sarmassa, nei boschi di Rocchetta Tanaro, in riva al Bormida a Sessame per osservare gli aironi tornati a popolare le rive dei nostri fiumi.

Per chi ama la storia non mancano gli spunti: dal castello di Costigliole a quello di San Martino Alfieri, da Calamandrana a Calosso, manieri ricchi di ricordi dal Medioevo al Risorgimento. Tutta ancora da scoprire la zona sud – est intorno a Mombaruzzo, celebre per i suoi amaretti, ma ricca di palazzi nobiliari e edifici di pregio artistico oltre che di un mare di vigneti.

E poi l’estrema punta della provincia, dove finiscono le vigne e le colline si alzano, il paesaggio si fa aspro e ancor più suggestivo: la Langa astigiana con le sue torri medioevali di vedetta contro le invasioni saracene a Cassinasco, San Giorgio Scarampi, Olmo Gentile, la chiesa “doppia” di Cessole , resti suggestivi di castelli e Roccaverano, il paese più alto della provincia, a quasi 800 m. di altitudine, con la sua parrocchiale bramantesca e il panorama mozzafiato .